Confronta gli elenchi

Calcolo Imu, cos’è e come si ottiene la rendita catastale.

Calcolo Imu, cos’è e come si ottiene la rendita catastale.

La rendita catastale è un elemento fondamentale per calcolare l’importo Imu da pagare. Questo valore può variare in funzione del Comune, della zona censuaria, della categoria catastale, della classe di merito. Ma vediamo, nel dettaglio, cos’è e come si calcola.

Cos’è la rendita catastale

La rendita catastale è la base per determinare il valore catastale di un immobile ai fini del calcolo Imu. La rendita catastale viene definita, sostanzialmente, sulla base di due elementi:

  1. Dimensione dell’immobile: che viene misurata sulla base del numero dei vani, la superficie e la volumetria
  2. Estimo: la tariffa di estimo è relativa alla zona censuaria in cui è situato l’immobile e alla sua tipologia. Le tariffe d’estimo sono determinate dal comune sulla base della destinazione d’uso prevista per l’immobile

Una volta che, al termine della costruzione, l’immobile viene dichiarato agibile, il proprietario di casa ha trenta giorni di tempo per proporre una rendita catastale all’agenzia del territorio in base alla destinazione d’uso dell’immobile.

L’agenzia del territorio, a sua volta, può accettare la rendita catastale proposta o attribuirne una nuova se non la ritiene corretta. La moltiplicazione della rendita catastale per il moltiplicatore relativo alla sua destinazione d’uso determina il valore catastale dell’immobile in questione.

Come si ottiene la rendita catastale

Per conoscere con esattezza la rendita catastale di un immobile bisogna avere i dati catastali necessari per conoscere la rendita, che sono:

  • comune;
  • sezione;
  • foglio;
  • mappale (particella);
  • sub (subalterni, che possono anche essere vari per ogni immobile).

È possibile ottenere i dati catastali anche direttamente dall’atto di compravendita dell’immobile (rogito) o chiedendo una visura catastale gratuita per indirizzo o per nominativo presso il catasto o la più vicina agenzia del territorio.

Una volta ottenuti i dati catastali, quello che serve per avere la rendita catastale è:

  1. collegarsi al link dell’agenzia del territorio visura dati catastali
  2. inserire il codice fiscale
  3. inserire il codice di sicurezza
  4. cliccare sul pulsante accedi
  5. scegliere la provincia dove è situato l’immobile
  6. scegliere il comune
  7. digitare il numero del foglio, della particella (mappale) e del sub (subalterno)
  8. cliccare sul pulsante ricerca

Ripetendo l’operazione con altri subalterni sarà possibile visualizzare tanto la categoria di appartenenza che la rendita catastale.

fonte:idealistsa.it

Post correlati

Quale contratto conviene stipulare per affittare la casa agli studenti?

Affittare casa a studenti (anche stranieri), a giudicare dal giro d’affari che muove...

Continua a leggere

L’ordine di demolizione per abuso edilizio, va in prescrizione?

Una recente sentenza della Cassazione stabilisce che in caso di abuso edilizio, anche se i reati...

Continua a leggere

Come togliersi da garante se hai prestato una fideiussione per conto di un parente.

È possibile recedere da una fideiussione prestata in favore di un’altra persona prima che questi...

Continua a leggere