Confronta gli elenchi

Effetto Draghi sui tassi dei mutui.Risparmi di 300 euro all’anno.

Effetto Draghi sui tassi dei mutui.Risparmi di 300 euro all’anno.

Il cambio di paradigma della Bce (pronta a tagliare ancora i tassi e a lanciare un nuovo quantitative easing) inserito in uno scenario globale di tassi in calo sta portando le rate dei nuovi (e vecchi mutui) sul livello più basso di sempre.

Non c’è mai limite al “meglio”. Il mercato dei mutui ci sta abituando ad aggiornare record che sembravano imbattibili. Tanto sui fissi quanto sulle offerte a tasso variabile. Il mese di giugno è stato foriero di nuovi guinness. Eccoli, rapidamente.

1) Il costo medio dei mutui a tasso fisso in Italia (ponderato su durate di 20 e 30 anni) è sceso all’1,68%, il livello più basso di tutti i tempi;

2) Se il costo del fisso è sceso ai minimi è perché gli indici con cui è calcolata la rata il giorno della stipula, gli Eurirs, hanno ritoccato al ribasso i precedenti minimi, complice il calo del rendimento del Bund tedesco, sceso a sua volta al minimo a -0,328% sulla durata a 10 anni;

3) L’Euribor a 1 mese, l’indice su cui si calcolano le rate variabili mese dopo mese, è sceso a -0,398%, minimo assoluto;

4) I mercati danno per scontato (probabilità al 90%) che la Bce entro fine anno taglierà il tasso sui depositi di almeno 10 punti base, portandolo dall’attuale soglia di -0,4% (minimo assoluto) a -0,5% e forse anche -0,6%. Quando questo accadrà le rate di chi sta pagando un mutuo a tasso variabile, già clamorosamente basse considerato che ad oggi allo spread va sottratto (e non sommato) l’Euribor perché negativo, scenderanno ulteriormente. E tutto ciò era francamente impensabile prima delle parole di Draghi del 18 giugno

MUTUI, TASSO FISSO E VARIABILI SUI MINIMI STORICI

L’andamento storico del costo sui prestiti per la casa. (Fonte: MutuiOnline.it)

I risparmi per i mutuatari
«Non ci sono evidenze in tal senso – spiega Roberto Anedda, direttore marketing di MutuiOnline.it che recentemente in collaborazione con l’Unione nazionale consumatori ha lanciato la guida pratica “Come scegliere il mutuo?” -. Le banche non stanno aumentando gli spread ma stanno accompagnando la discesa globale dei tassi con Tan (Tassi annui nominali, ndr) sui mutui ai minimi di sempre. Sulla parte a 20 anni, la durata oggi più richiesta, le cinque migliori offerte a tasso fisso oscillano tra l’1% e l’1,3%. Sulla parte a 30 anni, più cara in quanto la durata è maggiore, restiamo comunque abbondantemente sotto il 2% per il fisso e sotto l’1% per il variabile. Da notare – continua Anedda – che i mutui costano in media 30 punti base in meno rispetto a inizio anno. Quindi su un mutuo di 130mila euro a 20 anni, oggi c’è un risparmio di circa 25 euro al mese, 300 euro l’anno».

fonte :IlSole24Ore.it

Post correlati

Guida al mutuo: per la prima casa o investimento immobiliare.

Un mutuo per la prima casa o per finanziare un investimento immobiliare? Roberto Anedda, direttore...

Continua a leggere

Mutui: le migliori offerte di settembre

Tassi da record per i mutui di settembre grazie all’andamento di Irs ed Euribor e alle...

Continua a leggere

L’imminente recessione economica degli Stati Uniti influenzerà il mercato immobiliare?

Negli ultimi giorni le notizie negative hanno alimentato il timore di una recessione economica...

Continua a leggere