Confronta gli elenchi

La residenza non basta per usufruire delle detrazioni Imu e Tasi.

La residenza non basta per usufruire delle detrazioni Imu e Tasi.

Per usufruire delle detrazioni Imu e Tasi non basta avere la residenza nell’immobile. Vediamo cosa ha stabilito in merito una sentenza lombarda.

Per poter usufruire delle detrazioni Imu occorre avere, oltre alla residenza nell’immobile, anche la dimora abituale. Lo ha affermato una sentenza (la 531/2019) dell’undicesima sezione della commissione tributaria regionale della Lombardia. Il caso riguardava un contribuente di Lecco che portava in detrazione l’Imu 2013 affermando appunto di avere la residenza in quel Comune. Tuttavia, egli stesso lavorava da dipendente in Puglia e i suoi figli frequentavano le scuole nel Salento.

Dato l’accertamento effettuato, quindi, la detrazione non poteva essere considerata legittima. Il problema si è posto con il passaggio da Ici a Imu. Per la prima imposta, infatti, il requisito della residenza era sufficiente per avere diritto alle detrazioni. Per quanto riguarda Imu e  Tasi, invece, la dimora abituale è requisito fondamentale. Quindi, chi sia residente in un immobile ma dimori in un altro, non può portare in detrazione nessuna imposta relativa a nessuno dei due immobili.

Articolo visto su
Imu detrazioni non basta la residenza (Italia oggi)

Post correlati

Compensi pagati all’agenzia immobiliare? Ecco come è possibile detrarre.

Lunedì 15 aprile è iniziata ufficialmente la campagna per la dichiarazione dei redditi...

Continua a leggere

Settore immobiliare: tante novità nel decreto crescita 2019

Il governo è al lavoro sul cosiddetto "decreto crescita" che tra le diverse misure, contiene...

Continua a leggere

Esenzione Iva locazione immobiliare. L’attività del locatario non è rilevante.

L’esenzione Iva per la locazione immobiliare è indipendente dall’attività del conduttore....

Continua a leggere