Confronta gli elenchi

Le case italiane sono detenute dalle famiglie per il 92%.

Le case italiane sono detenute dalle famiglie per il 92%.

Le famiglie detengono oltre il 92% del patrimonio residenziale italiano: l’81% del totale è costituito abitazioni principali o seconde case, l’11% è invece posseduto «a scopo di investimento e di attività di locazione». È la fotografia scattata dall’Istat sul patrimonio del 2017 e diffusa oggi 1° febbraio.

l valore dello stock di attività non finanziarie (quindi non solo immobili, pari però all’84% del totale) è pari a circa 9.505 miliardi di euro. Le famiglie detengono in pratica la metà (per la precisione il 49%) di questa ricchezza. Lo stock è costituto per il 60% da immobili residenziali (come detto, 9 su 10 in mano alle famiglie) e per il 24% da immobili non residenziali (detenuto per circa il 55% da società non finanziarie, per il 30% dalle famiglie produttrici e per l’11% dalle amministrazioni pubbliche). Gli altri beni «di capitale fisso, materiale e immateriale, rappresentano meno del 10%. Le scorte pesano circa il 4%, i terreni coltivati meno del 3% del totale».

Lo stock degli altri beni di capitale fisso diversi dagli immobili nel 2017 era detenuto «per circa il 76% dalle Società non finanziarie, per quasi il 14% dalle Amministrazioni pubbliche e per il 10% dalle famiglie». Le Società non finanziarie sono anche proprietarie del 93% delle scorte. Lo stock di terreni coltivati è per quasi il 90% di proprietà delle famiglie.

 

fonte:IlSole24Ore

Post correlati

Mutuo a tasso da usura, cosa fare?

Quando un mutuo può considerarsi “usurario”? E quali sono i tassi antiusura correnti?...

Continua a leggere

La classifica delle città più costose del mondo.

Le città più costose al mondo? Prevedibilmente, sono tutte asiatiche. Milano si conferma...

Continua a leggere

Mercato immobiliare: Previsioni 2019 e risultati nelle grandi città.

Qual è la situazione del mercato immobiliare nelle sei grandi città del nostro Paese? E quali...

Continua a leggere