Confronta gli elenchi

Settore immobiliare: tante novità nel decreto crescita 2019

Settore immobiliare: tante novità nel decreto crescita 2019

Il governo è al lavoro sul cosiddetto “decreto crescita” che tra le diverse misure, contiene alcune che riguardano da vicino il settore immobiliare. Vediamo quali sono, secondo le ultime anticipazioni fornite dai nostri collaboratori di condominioweb

  • Nuove risorse per il Fondo di garanzia per la prima casa. Il rifinanziamento ammonta a 200 milioni nel 2019. La norma prevede la riduzione degli accantonamenti a copertura del rischio passando dal 10% all’8% dell’importo garantito.
  • Bonus per la valorizzazione dell’edilizia. Le imprese di costruzione o di ristrutturazione immobiliare che acquistano e, entro i successivi 10 anni, demoliscono e ricostruiscono l’edificio potranno beneficiare di diversi incentivi: una tantum di 200 euro per l’imposta di registro e le imposte ipotecaria e catastale; possibilità di variazione volumetrica e alienazione rispetto al fabbricato preesistente. Dunque, saranno agevolati con l’applicazione delle imposte di registro, ipotecaria e catastale nella misura fissa di 200 euro ciascuna, i trasferimenti di interi fabbricati a favore di imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare che, entro i successivi dieci anni, provvedano alla loro demolizione e ricostruzione, anche con variazione della volumetria, e alla loro alienazione.
  • Semplificazioni per l’edilizia privata. Da quanto appreso, in linea generale, saranno velocizzate le autorizzazioni della Soprintendenza per gli interventi sui beni culturali di proprietà privata.Previsti anche rimedi alla giurisprudenza “taglia-palazzi” e l’adeguamento del vincolo storico su palazzi con più di 50 anni.
  • Sisma bonus. La bozza propone “l’estensione alle zone 2 e 3 del bonus previsto solo per gli edifici in zona 1”.In mancanza di chiare specificazioni, probabilmente, dovrebbe trattarsi dell’agevolazione per l’acquisto di case antisismiche, non di quello per la realizzazione dei lavori di adeguamento o miglioramento antisismico. Quest’ultimo è già attivo per le zone classificate a rischio 1, 2 e 3.
  • Bonus efficienza energetica. Il decreto prevede l’equiparazione delle ESCo (impresa in grado di fornire tutti i servizi tecnici, commerciali e finanziari necessari per realizzare un intervento di efficienza energetica) ai proprietari degli immobili. Le ESCo, secondo le intenzioni della norma, potrebbero diventare direttamente titolari della detrazione.
  • Imu sui capannoni. Aumenterà la deducibilità dell’Imu sugli immobili strumentali delle imprese, attualmente fissata al 40%. La bozza non indica però la misura dell’aumento.

Fonte: https://www.condominioweb.com/decreto-crescita.15727

Post correlati

Bonus facciate 2020: vantaggi fino al 90%.

Per uno sconto fiscale che chiude la sua breve vita, ne arriva un altro che promette di...

Continua a leggere

Le scadenze fiscali da ricordare del mese di settembre 2019.

Il mese di agosto è terminato e per i contribuenti è arrivato il momento di fare i conti con il...

Continua a leggere

Compensi pagati all’agenzia immobiliare? Ecco come è possibile detrarre.

Lunedì 15 aprile è iniziata ufficialmente la campagna per la dichiarazione dei redditi...

Continua a leggere